ANOTHER LANDSCAPE / nuovi sguardi sul Delta del Po #1

 

LABORATORIO FOTOGRAFICO DI INDAGINE E ANALISI DEL TERRITORIO DEL DELTA DEL PO

________________________________________________________________________________________________________________________________________

 ANOTHER LANDSCAPE

nuovi sguardi sul Delta del Po

Moscow2013-web

L’associazione culturale “CITTÀ INVISIBILI” ha ideato e curato un progetto di studio fotografico del Delta del Po dal titolo “ANOTHER LANDSCAPE / nuovi sguardi sul Delta del Po”.

Il progetto rientra nella rete del format Adriatic coast to coast, promosso dal Sìfest di Savignano sul Rubicone e dalla facoltà di architettura di Cesena.

La prima tappa di questo lavoro prevede un workshop che si svolgerà nei giorni 11-12 e 18-19 Ottobre 2014 e sarà tenuto dal fotografo Marco Zanta; le iscrizioni al workshop chiuderanno il 5 Ottobre.

La presentazione del progetto avverrà al Museo della Bonifica di Ca’ Vendramin di Taglio di Po (Ro) il 27 Settembre congiuntamente ad una conferenza dal titolo “La fotografia di paesaggio dopo Luigi Ghirri”.

________________________________________________________________________________________________________________________________________

IL PROGETTO

Il progetto nel suo complesso vuole dare una lettura articolata del Delta del Po, portando lo sguardo sulla complessità degli elementi che ne caratterizzano e segnano il paesaggio. La fotografia, come mezzo immediato ed allo stesso tempo selettivo, è stato ritenuto un buon strumento per cominciare a “guardare con occhi nuovi” questo contesto dalle valenze naturalistiche indiscusse, senza però tralasciare gli elementi antropici che comunque ne fanno parte.

A fronte di una rappresentazione ed una lettura del territorio spesso focalizzata solo sugli aspetti naturalistici, il Delta è infatti una terra che rappresenta nella sua essenza il frutto dell’interazione umana con gli elementi naturali e che ha conosciuto il progresso portato dalle scoperte tecnologiche del ‘900.

Potremmo definire questo progetto una sorta di “Viaggio nel Delta del Po”, dove, facendo il verso a Ghirri, si vuole attualizzare la ricerca fotografica sul paesaggio focalizzandola in un’area privilegiata come questa. Il cinema con i grandi registi del neo-realismo, da Visconti a Rossellini per poi passare ad Antonioni, si era accorto delle potenzialità espressive di questo territorio fin dagli anni ‘40; recentemente un grande regista come Carlo Mazzacurrati ha saputo attualizzare sul grande schermo l’immagine del Delta odierno.

 

WORKSHOP

Il tema del lavoro che dovrà essere sviluppato dai partecipanti al workshop è lo studio dell’antica linea di costa del Delta: ieri costituita dalle dune fossili e la via Popilia, oggi dall’asse commerciale della Statale Romea, lungo il quale si sono sviluppate le principali cittadine del delta moderno.

L’organizzazione del workshop consiste nell’assistere a lezioni teoriche tenute dal fotografo Marco Zanta e realizzare campagne fotografiche nei luoghi di studio proposti (Rosolina, Porto Viro e Taglio di Po), cui seguiranno revisioni col fotografo sul lavoro svolto, fino ad accompagnare ciascuno a compimento del proprio progetto.

Le lezioni in aula aiuteranno i partecipanti a realizzare un reportage attraverso le metodologie di indagine e analisi di un territorio attraverso la fotografia documentaria di paesaggio. L’Italia vanta in questo genere fotografico illustri rappresentanti, da Luigi Ghirri a Guido Guidi, passando per Giovanni Chiaramonte, tanto per citare i punti di riferimento più noti, e lo stesso Zanta, uno dei più interessanti interpreti contemporanei del genere.

La Statale Romea e le dune fossili in mezzo ai centri abitati sono sicuramente un paesaggio estraneo al Delta del Po visto in senso strettamente naturalistico, ma ne rappresentano bene l’essenza con le sue contraddizioni fra il forte legame con la natura e la storia veneta e la società moderna dei camion e dei capannoni.

 

MARCO ZANTA

Marco Zanta è nato a Treviso il 1° settembre 1962.

Ha iniziato ad occuparsi di Fotografia dalla metà degli anni ’80, con i critici Paolo Costantini e Italo Zannier.

La sua ricerca si muove all’interno della rappresentazione degli spazi urbani, con una forte attenzione rivolta all’architettura e ai siti industriali. All’attività espositiva ha sempre affiancato l’insegnamento scolastico, collaborando con diversi istituti universitari. Dal 2006 al 2011 è stato docente di Fotografia al claVES, facoltà di Arti Visive e al claDIS, facoltà di Design e Arti dell’Università IUAV di Venezia.

Ha collaborato con numerosi studi di architettura per i quali ha realizzato monografie e servizi, tra questi con John Pawson Studio, Afra e Tobia Scarpa, Alberto Campo Baeza, Boris Podrecca.

L’attività di ricerca è confluita in numerosi volumi di Storia della Fotografia e di Storia dell’ Architettura.

Ha pubblicato diverse monografie, tra le quali Rumore Rosso (Charta, 2000) e UrbanEurope (Contrasto, 2008). Le sue immagini sono state presentate in diverse gallerie e istituzioni internazionali, tra le quali la Maison Européenne de la Photographie a Parigi, il Museo d’Arte Contemporanea di Shanghai, la Fondazione Forma a Milano, il CCA di Montreal, l’Espace Contretype di Bruxelles, la Triennale di Milano, la Maison de l’Architecture di Marsiglia. Ha esposto più volte alla Biennale d’Arte di Venezia.

Nel 2003 gli è stato assegnato il premio Mosaique dal CNA del Lussemburgo.

Suoi lavori fanno parte di prestigiose collezioni pubbliche e private, tra queste Collezione Unicredit-Milano, Centro Canadese d’Architettura-Montreal, Fondazione Forma-Milano, Museo della Fotografia-Charleroi, Fondo Fotografia Europea-Reggio Emilia.

a cura di

Barbara Pregnolato e Enrico Laurenti

associazione culturale “CITTÀ INVISIBILI”

 

11-12, 18-19 Ottobre 2014

Rosolina, Porto Viro e Taglio di Po (Ro)

________________________________________________________________________________________________________________________________________

CONFERENZA

“La fotografia di paesaggio dopo Luigi Ghirri”

 

Intervengono:

William Guerrieri, fotografo e direttore di “Linea di confine”

Marco Zanta, fotografo

 

27 Settembre, ore 10

presso Museo della Bonifica di Ca’ Vendramin (Taglio di Po – Ro)

 

ingresso libero

__________________________________________________________________________________________________

ISCRIZIONI AL WORKSHOP

Per partecipare iscriversi entro il 5 Ottobre secondo regolamento.

Per informazioni su regolamento, ospitalità in loco e altro:

email:  asscittainvisibili@gmail.com

telefono:  328 41 52 665  –  333 623 9752

blog:   www.associazionecittainvisibili.wordpress.com

 

Regolamento e scheda di iscrizione:     regolamento workshop AL 2014

 

__________________________________________________________________________________________________

con il patrocinio di

 

Ente Parco Regionale Veneto del Delta del Po   /   Fondazione Ca’ Vendramin

Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Rovigo  /   Fotoclub di Adria

comune di Rosolina   /   comune di Porto Viro   /   comune di Taglio di Po

Un pensiero su “ANOTHER LANDSCAPE / nuovi sguardi sul Delta del Po #1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...